Dr. Giuseppe Caruso

Medicina aeronautica e spaziale

La Medicina Aerospaziale ha, tra i suoi fini, anche quello di studiare e prevenire l’ipossia, il disorientamento spaziale, gli effetti usuranti e destabilizzanti delle accelerazioni a livello fisico e mentale di un pilota di aeroplano su velivoli altamente performanti come quelli attuali, che raggiungono elevati carichi di G e di velocità, intendendo per “carichi di G“ una forza di gravità molto più grande di quella abituale sulla terra, addirittura 7 - 8 volte maggiore in determinate manovre di volo, ma anche di comprendere il problema opposto cioè quello che l’assenza di gravità provoca sull’uomo.

Titmus

Medicina aeronautica

Medicina aeronautica

L'analisi di tale problema permette di studiare i sistemi per preparare al meglio le condizioni fisiche dell’astronauta prima e durante la missione stessa, di supportarlo poi a livello medico nella delicata fase di rientro sulla terra, quando i parametri di gravità e gli equilibri del fisico umano si ribaltano nuovamente. Quindi un’assistenza sanitaria specialistica completa, mirata alla stabilizzazione della salute dei piloti, degli equipaggi e dei cosmonauti, al mantenimento di un alto livello di efficienza e di esecuzione durante la missione, alla intensa riabilitazione medica ed al ripristino ottimale delle funzioni vitali al rientro.

Il Dr. Giuseppe Caruso, specializzato in Medicina Aeronautica e Spaziale presso L’Università “La Sapienza” di Roma, unica Scuola di specializzazione in Italia nel settore, aeromedico esaminatore certificato ENAC (AME) n. IT-1010-AME, effettua:

  1. Consulenze medico-legali, cause di servizio per personale di compagnie aeree nazionali ed estere.
  2. Certificazioni mediche di idoneità psicofisica per il conseguimento e rinnovo di Licenze e Attestati aeronautici di: 
  • 2^ Classe PPL  
  • LAPL
  • VDS
  • Cabin Crew
  • Paracadutismo.

Il protocollo accurato e completo di queste visite specialistiche, effettuate nell’Ambulatorio Fisioterapico Caruso,  è complesso e comprende:

- compilazione di una cartella clinica con i dati anamnestici e obiettivi dell’esaminando  al fine di valutarne le condizioni attuali. Il soggetto dovrà a sua volta compilare e firmare un modello di consenso informato circa il trattamento dei dati sensibili oltreché dichiarare al Medico specialista in Medicina Aerospaziale eventuali patologie, deficit  o limitazioni  pregresse all’attività di volo;
 
- controllo della funzionalità visiva anche mediante Vision screener TITMUS, strumento stereoscopico  dotato di slides aeronautiche,  per i seguenti tests:

  • visione da vicino e da lontano
  • acuità visiva mono e binoculare
  • stereopsi (test di Landolt, test di Lang)
  • percezione colori (test di Ishihara) 
  • forie laterali e verticali
  • campo visivo a 55°, 70° e 85°
  • campo visivo nasale
  • visione intermedia
  • controllo della gradazione lenti (se usate) mediante frontifocometro;

-  controllo della funzionalità cardiaca con monitor multiparametrico (SpO2, NIBP, ECG, TEMP.), ECG computerizzato e/o ECG "CardioLink" refertato da cardiologo specialista, in tempo reale, mediante servizio di telemedicina;
-  controllo della funzionalità respiratoria mediante spirometria computerizzata;
- controllo della funzionalità acustica mediante esame otoscopico, audiometria computerizzata, timpanogramma e test del riflesso stapediale con impedenziometro da screening;
-  misurazione e valutazione dei tempi di reazione a stimoli visivi e acustici;
-  valutazione del nistagmo con occhiali di Frenzel.

Si ricorda come la normativa vigente, dall' aprile 2013, è stata variata e implementata attraverso il passaggio dalle normative JAR - FLC 3 Medical a quelle EASA  (European Aviation Safety Agency).

Spirometro

Timpanogramma

Strumentazione

Timpanogramma

Cartella Clinica

INFORMAZIONI UTILI

  • I tempi per eseguire tutti i controlli diagnostici  sono dell’ordine di 1 ora circa.
     
  • Le visite mediche saranno effettuate previo appuntamento. In caso di  impossibilità dell’esaminando ad effettuare la visita ciò dovrà essere comunicato alla Segreteria con un preavviso min. di 48 h, al fine di consentire e programmare  l'appuntamento ad altri esaminandi.
     
  • Nell’Ambulatorio non vengono effettuati esami ematochimici  (sangue, urine ecc.) che dovranno pertanto essere effettuati in laboratorio esterno (struttura pubblica o privata) e comunque dietro richiesta dell'AME.
     
  • A seconda delle necessità, di quanto valutato nel corso della visita e nell’interesse dell’esaminando, l'AME potrà richiedere ulteriori accertamenti diagnostici e/o visite specialistiche. Queste potranno essere effettuate in sede esterna (struttura pubblica o privata). L'esaminatore aeromedico potrà comunque consigliare, dietro richiesta, indirizzi di laboratori o di  medici specialisti esterni.
     

Nell'elenco completo notizie, nella Photogallery e nella Videogallery articoli scientifici e di stampa, foto e filmati inerenti l'attività volativa e la Medicina Aerospaziale.

 

Controllo diagnostico

medicina aeronautica

Controllo diagnostico

Ottotipo elettronico

Logo