Un piccolo passo per Tom Cruise, un gigantesco balzo per il cinema, e per le sue possibilità. A 57 anni il ragazzo eterno, quello che rifiuta le controfigure e rischia tutto sulla sua pelle, gioca un'altra sfida. Girerà un film nello spazio. No, non un film "ambientato" nello spazio. Un film da girare nello spazio. Ha anticipato tutto il sito Deadline, e hanno confermato tutti. Tom Cruise sta lavorando al progetto insieme alla SpaceX, la società spaziale di Elon Musk, il fondatore di Tesla e Paypal, uno degli uomini più ricchi del mondo, quello che vuole portare una colonia umana su Marte. Con loro, la Nasa, l'agenzia spaziale americana. Obiettivo: il primo film girato nello spazio, la prima pellicola realizzata a "gravità zero". Conferma con un tweet il direttore della Nasa, Jim Bridenstine: "La Nasa è entusiasta di lavorare con Tom Cruise per un film a bordo della Stazione spaziale internazionale", twitta. "C'è bisogno dei media più popolari per ispirare una nuova generazione di scienziati, per realizzare gli ambiziosi piani della Nasa". Elon Musk, profeta della vita multiplanetaria, risponde con un altro tweet: "Should be a lot of fun!": sarà divertentissimo. Sì, ma come, dove, quando? Il "dove" è nella Stazione spaziale internazionale: quello strano aggeggio a metà fra un waffle destrutturato e una enorme bicicletta piegata, che viaggia a 28mila chilometri all'ora intorno alla Terra. È lì che Tom Cruise girerà il suo film. E una specie di isolotto nello spazio, che possiamo vedere anche da qui: orbita a 400 chilometri di distanza, sembra una stella. È lì che hanno vissuto gli astronauti italiani Paolo Nespoli, Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti. Ed è lì che è stato girato nel 2002 il documentario Space Station 3D a cui ha dato la voce, indovinate chi?, Tom Cruise. Nel 2012 il figlio di un astronauta, Richard Garriott, vi aveva girato un corto di fantascienza, Apogee of Fear. Ma sarebbe Cruise la prima star di Hollywood ad affrontare un viaggio extraterrestre. E del resto,lo sappiamo, lui insegue il rischio, la sfida, l'avventura. E rifiuta la controfigura. Per Mission: lmpossible - protocollo fantasma ha scalato il grattacielo più alto del mondo, il Burj Khalifa a Dubai. Poi ha girato una scena penzolando da un elicottero in volo, attaccato a una fune. Per Mission: Impossibile - Rogue Nation si è aggrappato a un aereo che decollava, a un velocità alla quale anche incontrare un volatile avrebbe rappresentato la morte. Non sempre è andato tutto liscio: in Mission: lmpossible 6 saltando da un grattacielo all'altro si è frantumato una caviglia. Ora punta a entrare nei libri di storia. Il cinema ha tentato spesso l'impresa folle. In Fitzcarraldo, Werner Herzog raccontava il sogno di un uomo che trascina una nave a vapore su per una montagna dell'Amazzonia: solo che quella nave era vera, Herzog non volle modellini in studio. Il risultato fu un numero indefinito di indigeni - impiegati per trascinare la nave - feriti, annegati o schiacciati. In Point Break del 2015, la scena degli uomini che si lanciano dalle montagne con le tute alari non è ricostruita in studio: una scena di volo fra le più pericolose di sempre.
E a proposito di voli, quand' è che Tom Cruise potrebbe andare nello spazio? La SpaceX sta ultimando la realizzazione della Crew Dragon, la sua navicella spaziale con quattro posti. Significa che potrebbe portare nello spazio Cruise, una troupe minimale e un astronauta professionista come capitano di missione. "Major Tom" potrebbe andare in orbita già il prossimo anno. 

QN - Di Giovanni Bogani - 7 maggio 2020

tom cruis